Adult Stories Forum

Go Back   Adult Stories Forum Historias de sexo italiano Anal

Reply
 
LinkBack Thread Tools Search this Thread Display Modes
DurumOffline
No Avatar
Uyarý:
Profil detaylarýný görmek için üye giriþi yapmalýsýnýz

Üyeliðiniz bulunmuyorsa Kayýt ol linkine týklayarak kayýt olabilirsiniz.

Nicola - Capitolo quattro

 
Post #1


Nicola - Capitolo quattroCapitolo quattro?È tutto ok Nic.? Dissi con la gola stretta. ?Io capisco, più di quanto tu sappia.??Sì, anche io.? Aggiunse Robbie dal sedile posteriore. ?Deve essere stato un inferno per te.??Lo è stato!? disse Nic.?Sai che avrei tentato di aiutarti per quanto potevo se tu solamente me l?avessi detto.? Disse Robbie.?Lo so Robbie. E mi spiace di non avertelo detto, veramente.?Rimanemmo in silenzio per un po?. Poi dissi: ?Sai, Nic, tecnicamente tu non mi hai mentito.??Cosa intendi???Beh, hai detto che avevi deciso di mentirmi e dirmi che mi amavi, mentre non l?hai fatto. Ma non hai mai smesso di amarmi realmente, vero???No, credo di non averlo fatto:? Ammise, le sue guance arrossirono.?Così non devi rattristarti troppo.??Grazie.?Poi Robbie chiese: ?Nic, siccome tutto questo sta uscendo all'aperto, non c?è altro che non mi hai detto, non è vero???No, penso che quello sia tutto. Io ora ho aperto a voi tutta la mia anima.??Oh. Così non sei stato tu a mettere la polvere pruriginosa nelle mie mutande alle medie, vero??Vidi un sorriso formarsi sulla faccia di Nic: ?No, non sono stato io, mi spiace.??Dannazione!? Disse allegramente Robbie: ?Non ho ancora scoperto chi l?ha fatto.??Deve essere stata una vera esperienza!? Osservai beffardamente.?Non ne hai idea!? Rispose Robbie.Mentre ridevamo, io sentii che il gelo che aveva avvolto il mio cuore a sentire la confessione di Nic, si dissolveva completamente, bruciato dalla forza dell'amore crescente che sentivo per lui. Lui aveva commesso un errore, sì, ma l'aveva ammesso, aveva fatto ammenda e nessun danno serio ne era derivato. Infatti, se era possibile, ci aveva portati ad essere ancora più uniti.Poi sentii la sua mano toccare leggermente la mia gamba, un tocco col palmo in su e quando lo guardai vidi che i suoi occhi erano brillanti, pieni di speranza ed un piccolo sorriso segnava le sue sembianze ancora di ragazzo. Presi la sua mano nella mia stringendola con forza, in quel tocco potevo sentire la profondità del suo amore per me e mi resi improvvisamente conto di quanto volevo dire per lui, e lui per me. Il legame tra di noi si era fortificato quella notte, il nostro amore era diventato ancora più solido e puro. Non vedevo l?ora di prenderlo nelle mie braccia e mostrargli quanto lo amavo. Presto, mi dissi, molto presto potrò.Quando finalmente parcheggiai davanti alla casa di Nic erano da poco passate le due di notte. Entrammo e Robbie disse che era troppo tardi per ritornare a casa sua; fino a circa l?una era ancora in forma, spiegò, ma dopo di allora c?era la possibilità di vedere un ubriaco guidare verso casa. Quindi, nonostante i miei sguardi frenetici a Nic che indicavano che volevo rimanere da solo con lui, accettò che Robbie passasse la notte con noi. Lui spedì rapidamente un sms a suo papà, poi aiutò noi due che tentavamo di ordinare un po? la casa.Poco prima delle tre crollammo sui divani, completamente esauriti. Avevamo fatto il meglio possibile con le macchie di brandy sul muro e per terra, avevamo raccolto ogni carta e briciola gettandole nell'immondizia. Ero così stanco che pensavo che non sarei riuscito a salire la scala per andare a letto.Nic si era lasciato cadere sul divano accanto a me appoggiando la testa sulla mia spalla. Robbie era seduto sul divano davanti a noi coi piedi nudi appoggiati ai cuscini, il corpo appoggiato al muro dietro al divano e stava finendo quello che restava di una bottiglia di liquore. Avevamo acceso la radio a basso volume e la stazione stava trasmettendo melodie lente e romantiche.?Che notte!? Disse Robbie.?Sì.? Dissi io. ?Un po' più violenta di quanto voi aveste sperato, suppongo.??Molto più violenta!? disse Nic. ?Non ricordo di aver mai partecipato ad una festa così.?Io risi.?Ehi, sono il vostro ragazzo anti intimità?? Chiese Robbie dopo poco.?Qui non c?è nessun altro, quindi penso di no.? Rispose Nic: ?Perché lo chiedi???Beh, vedo che voi due vi state tenendo per mano, è successo da quando vi siete seduti, ma nessuno di voi sembra rendersene conto.?Aveva ragione: non mi ero accorto di aver preso la mano di Nic nella mia e che la stavo stringendo forte.?Capite quello che voglio dire?? Continuò Robbie col suo tono gioviale. ?Fate così ed il mondo intero saprà che vi amate prima che abbiate la possibilità di dire ?omosessuale?.?Noi due ridemmo.?Ora.? disse piano Nic: ?Non mi importa se il mondo intero lo sa. Io amo Gianni e loro non possono fare nulla o dire che debba cambiare.??Idem come sopra!? Aggiunsi chinandomi a baciarlo delicatamente sulle labbra.?Oh fratello!? Sentii Robbie dire mentre faceva alzava gli occhi al cielo.Poi sentii la canzone.?Nic.? Gli dissi a bassa voce: ?Ascolta, stanno trasmettendo la nostra canzone.?Nic si raddrizzò a sedere. Dallo stereo usciva la dolce voce di Phil Collins. La canzone era Groovy Kind of Love. Io mi ero innamorato di questa canzone la prima volta che l'avevo sentita, colpito dal magnifico, semplice motivo, dalle parole appassionate ed ero rimasto sorpreso piacevolmente quando un giorno Nic mi aveva detto su internet che era anche la sua canzone preferita. Avevamo parlato spesso del fatto che l?avremmo ballata insieme un giorno ed ora, improvvisamente, ecco la nostra opportunità, più presto di quanto penso che entrambi ci aspettassimo. Io ero stanco e non pensavo di essere in grado di ballare, ma avevo imparato da tempo a non evitare i regali che mi venivano offerti. Quindi mi costrinsi ad alzarmi e porsi la mano a Nic. Lui mi sorrise, la sua faccia ardeva nonostante i danni ed accettò il mio invito. Ci portammo al centro della sala, avvolgemmo le braccia uno intorno all'altro e ci lasciammo calare nella musica.Non dimenticherò mai quel momento, come tenevo Nic vicino a me e lui mi teneva vicino a sè, la testa era appoggiata alla mia spalla e la sua dolce fragranza riempiva le mie narici, mentre ballavamo lentamente Filippo cantilenò: ?Quando io sono nelle tue braccia, nulla sembra importare, tutto il mio mondo può crollare, non me curo.? Aveva ragione: in quel momento sentivo che se il mio mondo fosse precipitato non mi sarebbe importato se Nic tra le mie braccia. Lui era diventato la cosa più importante della mia vita ed io non gli avrei mai permesso di andare via.Poi la canzone finì e noi tornammo al divano, le braccia intorno alla vita dell?altro. Quando ci sedemmo Robbie disse: ?Ragazzi, voi due siete una coppia veramente felice. Sto cominciando a sentire che eravate veramente destinati a stare insieme.??Io ho avuto quella sensazione sei anni fa.? Gli disse Nic. ?Ho tentato di negarlo, ma penso che il destino avesse altri piani.??Non puoi lottare contro il destino.? Dissi io.?Ed è anche una buona cosa!? Aggiunse Nic sorridendo e stringendomi la vita.?Nic, c'è una cosa che voglio chiederti.? Robbie lo stava guardando e sembrava più serio del solito.?Sì???Ora che hai trovato la tua, um, anima gemella, c'è, voglio dire, ci sarà ancora spazio nella tua vita per me??In considerazione dell'espressione sulla sua faccia avrei potuto dire che stava rimuginando quel pensiero da tempo e temeva come la morte che Nic gli dicesse di no. E aveva un dubbio: con me sulla scena, il suo innamorato gay, c'era davvero bisogno di un amico maschio? Non ero mai stato in quel genere di situazione; non sapevo quale potesse essere la soluzione.Ma Nic la trovò.Si alzò, si avvicinò a Robbie, gli mise amichevolmente un braccio intorno alla spalla e disse: ?Tu sei il mio miglior amico Robbie. Nulla o nessuno mai cambierà le cose, non è vero Gianni??Robbie, visibilmente rilassato, sorrise: ?Grande. Sapevo che sarebbe stata la tua risposta, ma volevo essere sicuro.?Nic sorrise, poi lo abbracciò stretto e con quell?abbraccio lo rassicurò che sarebbero stati, per molto tempo a venire, amici.Quando si separarono sembrò che Robbie stesse pensando a qualche cosa, poi disse, ?Ehi, ragazzi, sapete che è domenica, vero??Lo guardai interrogativamente, poi improvvisamente capii: domenica, il compleanno di Nic. Con tutto quello che era accaduto avevo dimenticato completamente la ragione per cui ero lì, ma ora tutto questo mi eccitò.?Vero!? Esclamai, poi corsi da Nic e lo abbracciai dicendo: ? Buon compleanno Nic.? Quindi Robbie avvolse Nic in un abbraccio dandogli manate sulla schiena e congratulandosi con lui.?Grazie ragazzi!? Disse Nic con un magnifico sorriso nonostante i suoi danni.?Non muovetevi!? Disse Robbie, poi lui saltò dalla sedia ed uscì dalla stanza. Ritornò un minuto più tardi con in mano un piccolo oggetto impacchettato. Porse il regalo a Nic.?Buon compleanno, amico.??Grazie Rob.? Disse Nic mentre scartava l'oggetto. Era un piccolo lettore MP3.?So che ne cercavi uno.? Spiegò Robbie: ?Ora ce l?hai.??Grazie Rob.? Ripeté Nic sorridendo con gratitudine all?amico.?C'è, um, già della roba registrata.? Aggiunse Robbie con un piccolo sorriso imbarazzato. ?Ma credo che non lo troverai interessante, così puoi cancellarlo.??Robbie.? Disse Nic con finto terrore: ?Mi hai dato un porno come regalo di compleanno???Sì.? Borbottò Robbie ridendo sotto i baffi. Nic lo raggiunse ed io non potei fare a di sorridere.Dopo un po' gettai uno sguardo verso Robbie, poi verso Nic e dissi goffamente: ?Um, io stavo per darti il tuo regalo stanotte, ma se non ti dispiace te lo darei domani.?Prima che Nic potesse rispondere, Robbie disse: ?È ok, Gianni, può dargli il ?regalo? stasera.? Aveva visto dentro di me, il piccolo bastardo, anche se suppongo che non fosse troppo difficile capirlo. ?Solo cercate di non fare troppo casino, ok?? Aggiunse con un ammicco ed un sorriso astuto.?Ok!? Dissi d'accordo sorridendogli.Poi Robbie sbadigliò e si stirò: ?Bene, non so voi, ma io penso di essere pronto per andare a dormire.??Mi sembra una buon idea.? Dissi sbadigliando.?Ed io farò lo stesso.? aggiunse Nic. ?Robbie, siccome è chiaro che dormirò nella stanza di Gianni, tu puoi andare nella mia.??Grande!? Rispose Robbie alzandosi. Nic ed io facemmo lo stesso, spegnemmo le luci ed andammo nelle nostre stanze.?È un ragazzo magnifico.? Dissi di Robbie mentre ci sedevamo ognuno sul suo lato del letto. ?Mi sarebbe piaciuto avere un amico come lui mentre stavo crescendo.??Non avevi un amico del cuore?? Mi chiese lui mentre si toglieva scarpe e calze.?L?avevo, fino a quando tentai di baciarlo pensando che fosse addormentato.? Sorrisi tra me ricordando.?Tentasti di baciare il tuo miglior amico?? Chiese Nic incredulo.?Sì. Si chiamava Luca. Avevamo solo 11 anni e lui era piuttosto carino. Non sapevo di essere gay, ma capii che ogni volta che pensavo a lui o lo vedevo, il mio cuore dava un balzo ed anche il mio uccello! Pensai che sarebbe stato figo baciarlo, dato che gli adulti, nei film che avevo visto, sembravano provare piacere, ma pensai che lui non sarebbe stato troppo felice se avessi provato dato che eravamo ambedue ragazzi. Quindi l'invitai a dormire a casa mia una sera, in modo da poterlo baciare una volta che si fosse addormentato. Ma ero così eccitato al pensiero che non mi assicurai che lo fosse! Mi ricordo che mi chinai su di lui pensando solo quanto era maledettamente eccitante, poi lo baciai sulle labbra.??E lui era ancora sveglio???Sì. Gridò e la mia mamma venne correndo. Prima che lui potesse dirle quello che avevo fatto io a rassicurai che stavamo giocando. Dopo che se ne fu andata mi scusai a profusione con Luca, ma lui non accettò le scuse, e quella fu la fine della nostra amicizia. Dopo di ciò mi evitò completamente, ed io non ho avuto un altro amico intimo come lui da allora. Ah, la vita di un gay!? Finii malinconicamente.?Bene.? Disse Nic chinandosi verso di me con un sorriso assassino sul viso: ?Ora hai me, e penso che noi possiamo essere abbastanza intimi.? Mi diede un piccolo bacio sulla guancia facendomi sorridere, poi io sentii le sue dita toccare esitanti il mio inguine. Il mio pene rispose immediatamente, crescendo alla sua piena lunghezza eretta in un tempo di record.?Non mi masturbo da una settimana?? Bisbigliò seducentemente Nic nel mio orecchio mentre continuava ad accarezzarmi attraverso i pantaloni. ?Volevo riservarlo? per stasera.??Cercherò di non deluderti?? Mormorai carezzandogli la guancia. Improvvisamente lui gettò indietro la testa.?Mi spiace, mi ero dimenticato delle tue ferite.??Tutto ok!? Rispose con un sorriso. ?Dovremo solo farlo più piano.??Va bene per me.? Dissi carezzandogli di nuovo la guancia, questa volta con più attenzione. Mentre gli carezzavo la pelle con la punta delle dita, mi trovai di nuovo a pensare a cosa avevo trovato di così attraente in lui come ragazzo. Non era stata una cosa specifica, ma tutto di lui, le sue braccia, le sue lunghe gambe, la sua abbronzatura dorata, i suoi capelli biondo sabbia che gli solleticavano le sopracciglia, i suoi occhi grigio-verdi e scintillanti, il suo piccolo naso carino, la morbidezza della sua pelle, la sua calda personalità, il suo sorriso che incantava, tutto di lui entrava in qualche cosa di incredibilmente splendido e speciale per me. E compresi che, sebbene fossero passati sei anni ed il suo corpo si fosse sviluppato mentre cresceva e maturava, tutto intorno a lui era splendido e speciale come lo era stato sei anni prima. E questo, penso, mi fece innamorare di nuovo completamente di lui.Quindi prima che lo capissi, mi ero inclinato verso di lui ed avevo piantato le mie labbra contro le sue e lo baciavo appassionatamente, comunicando a lui con la mia bocca, la mia lingua ed il mio tocco quanto l'amavo. Poi sentii le sue mani scivolare in giù sui miei fianchi, afferrare l'orlo inferiore della mia camicia e tirarmela sopra la testa. Sorrise alla vista del mio torace nudo, toccò amorevolmente con le dita i miei capezzoli e scese sul mio stomaco, carezzandomi l?ombelico. ?Sono sei anni che aspetto di farlo di nuovo.? Disse prima di portare le labbra al mio torace e baciare delicatamente il mio capezzolo destro. Io mi lamentai piano di piacere quando strofinò il capezzolo con la lingua e la sua saliva gocciolò sulle mie costole.Mi sdraiai indietro sul letto tirandolo sopra di me e baciando le sue calde, dolci labbra. Mentre le nostre lingue esploravano la bocca dell?altro, portai le mani sotto la sua camicia e gli strofinai la schiena ed i fianchi, toccando ogni contorno e curva della sua liscia pelle di seta.
06-02-2021, at 11:19 PM
Alýntý
Reply

« Massaggýo | - »
Thread Tools Search this Thread
Search this Thread:

Advanced Search
Display Modes



Powered by vBulletin® Version 3.8.11
Copyright ©2000 - 2021, vBulletin Solutions Inc.
izmir escort poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna poker oyna gaziantep escort bayan gaziantep escort seks hikayeleri tuzla escort ankara escort konyaaltý escort